Orario Sante Messe Festive e feriale al Santuario Madonna della Corona a Spiazzi di Ferrara di Monte Baldo Verona - Celebrazioni Liturgiche al Santuario di Spiazzi
 

Il Santuario Madonna della Corona a Spiazzi di Ferrara di Monte Baldo

Orario Sante Messe festive e feriali al Santuario diocesiano della Madonna della Corona a Spiazzi di Ferrara di Monte Baldo
HOME HOTEL INFO WEBCAM METEO

Il Santuario Madonna della Corona a Spiazzi - Verona        Back

Statua della Madonna Addolorata
Questo luogo é la meta ideale per chi desidera unire momenti di preghiera e serenitá interiore a occasioni per rilassarsi e godere in tutta tranquillitá degli spettacoli che la natura puó offrirvi in questo luogo incantevole.
Sculture in bronzo di Raffaele Bonente
Le scilture di Raffaele Bonente. Gesù che porta la Croce
Gesù Risorto

ORARIO SANTE MESSE AL SANTUARIO DELLA CORONA.

Il Santuario Madonna della Corona a Spiazzi è una delle località più suggestive dell’alta Italia a mt. 774 sul mare, a strapiombo sulla valle dell’Adige e dista km 1,5 da Spiazzi, km 20,2 dall’autostrada del Brennero casello di Affi, km 38 da Peschiera e km 44 da Verona.

E’ il Santuario diocesano di Verona ed é aperto tutto il tempo dell'anno con i seguenti orari: Novembre - Marzo: dalle ore 8.00 alle ore 18.00 Aprile - Ottobre: dalle ore 7.00 alle ore 19.30 Questo luogo é la meta ideale per chi desidera unire momenti di preghiera e serenità interiore a occasioni per rilassarsi e godere in tutta tranquillità degli spettacoli che la natura può offrirvi in questo luogo incantevole. Il Santuario si trova a Spiazzi in una delle località più suggestive dell’alta Italia.


Il Santuario della Madonna della Corona
è forse uno dei più caratteristici, sia per l’originalità del paesaggio che lo circonda, sia anche per la sua storia. Viene detto “della Corona”, perché anticamente era chiamato “la Corona”, a motivo della corona dei monti che lo circondano.

E’ costruito su un angusto spiazzo naturale che si trova in parte sporgente ed in parte incavato su di una parete di roccia cruda a picco, e che si drizza sull’abisso per circa 400 metri. Ai lati stanno due dossi di monti, che si sporgono per un buon tratto in avanti ora rocciosi, ora alberati, costituenti un’ imponente anfiteatro naturale. A mezzo di questa dirupa parete rocciosa si trova una chiesa che sembra aggrappata alla roccia come un nido d’aquila. Viene naturale chiedersi: come mai un Santuario lassù?

Quale fatto può aver motivato la determinazione di confrontarsi così con la roccia, ad attaccarsi ad essa. E’ cosa risaputa che nel Medio Evo la natura selvaggia attirò animi desiderosi e bramosi di solitudine, e che gli eremitaggi sorsero nei luoghi più impervi, mai però come questa roccia a picco. Perché fu scelto proprio questo luogo così inaccessibile?

La primitiva chiesetta santuario
era di modeste dimensioni situata ad alcuni metri sotto il livello dell’attuale, copriva una superficie poco più larga di una stanza. Questa cappella fu inaugurata nel 1530 dopo la famosa storica visita alla Corona del Vescovo di Verona, Mons. Gian Matteo Giberti, avvenuta il 10 maggio 1530.

A partire da quel tempo si susseguirono numerosi interventi per ricavare in questo luogo molto ristretto e difficile da raggiungersi, un ambiente adatto (una chiesa Santuario) ad accogliere i pellegrini che sempre più numerosi sono accorsi per onorare la famosa Pietà, “Mater dolorosa”, Madonna Addolorata della Corona. Ognuna delle opere intraprese ha sempre richiesto interventi pazienti, audaci e protratti nel tempo. Fino al 1922, anno in cui fu inaugurata la Galleria, tutti i materiali e l’occorrente per costruire furono calati dalla sommità della soprastante parete rocciosa a mezzo di corde e funi regolamentate da un ingegnoso argano di legno a ruote dentate.

La Chiesa precedente l’attuale era del sec. XVII, fu iniziata nel 1625 e completata nel 1680, rimanendo così intatta fino al 1898 quando si provvide ad allungarla di circa 2 metri in avanti verso il piazzale. In quella circostanza la facciata completamente rifatta nel 1899 fu decorata di marmi di S. Ambrogio e assunse le linee neogotiche attuali. Nel 1928 furono dati alcuni ritocchi all’altare maggiore per migliorare la nicchia della Madonna, così il legno fu sostituito dal marmo.

Durante gli anni 1946-49
si mise mano ad un intervento di sfondamento dietro l’altare maggiore e sopra il presbiterio scavando in roccia. Il presbiterio divenne più ampio al di sotto di una cupola che raggiungeva gli 8 metri. La nicchia e l’altare furono completamente trasformati.

Il 20 gennaio nell’anno santo 1975 si diede inizio ai lavori per la realizzazione di un progetto di ristrutturazione e ampliamento riguardante tutta la fabbrica del Santuario in quanto le strutture portanti versavano in precarie condizioni.
Con il lavoro di alcuni anni si arrivò alla configurazione attuale. Il lavoro più lungo e delicato fu determinato dallo scavo in roccia per consentire l’ampliamento(da 220 mq. di superficie si passò a 600 mq): la lunghezza della chiesa è di mt. 30 e la larghezza di mt. 20, l’altezza della Cupola è di mt. 18).

Il nuovo Santuario fu consacrato il 4 giugno 1978 e il completamento della ristrutturazione fu portato a termine in occasione della visita apostolica del Papa Giovanni Paolo II il 17 aprile 1988.
L’interno della chiesa ora si presenta a forma di croce latina affiancata da due navate laterali, al centro della crociera è collocata l’area presbiterale. Sull’asse verticale si susseguono i segni liturgici più importanti: l’aula per l’assemblea, l’ambone, l’altare, la sede, il tabernacolo, la statua della Madonna; questi segni sono ben visibili e comprensibili a tutti fin dal primo sguardo.

Cosa trova il Pellegrino al Santuario:

La Via Crucis:

le 15 Stazioni sono distribuite lungo la strada che dal piazzale della “Stella Alpina” va al Santuario.

La Via Matris:
i 7 capitelli dedicati ai dolori della Beata Vergine Maria, iniziano dal Ponte del Tiglio e arrivano davanti al Santuario.

La Cappella delle Confessioni:
si trova a metà della scalinata al piano sotto il Santuario. E’ il luogo delle Confessioni.

La Scala Santa:
è una imitazione di quella di Roma, è formata da 28 gradini da salire in ginocchio meditando e pregando la Passione del Signore. E’ nella Cappella delle Confessioni.

La Cappella dell’Adorazione:

è un angolo silenzioso al termine della Scala Santa dedicato all’adorazione dell’Eucarestia.

Il Santuario:
è il luogo Sacro riservato per la celebrazione dell’Eucaristia e alla venerazione della Beata Vergine Maria Addolorata. Al centro dell’abside è esposta la famosa statua della Madonna della Corona.

Il Fonte Battesimale:
è il luogo per la rinnovazione delle promesse del Battesimo, si trova nel Santuario a sinistra dell’altare.

La fotografia della Sindone:
è la riproduzione in negativo a grandezza naturale delle due parti facciale e dorsale della Sindone di Torino, è esposta nella navata sinistra del Santuario.

La rassegna “Mater Dolorosa”:
è l’esposizione di 80 statue della Pietà, tra le più venerate nel mondo. Per accedere si passa sotto lo scalone del Santuario.

Il Sepolcreto degli Eremiti:
è il luogo dedicato alla preghiera di suffragio per i defunti che attendono la resurrezione. Sono visibili in urne di vetro i resti mortali di alcuni eremiti, vissuti alla Corona. Per accedere si passa sotto lo scalone scendendo al piano sotto quello di arrivo.


Die berühmte Abbildung der  "Madonna della Corona", die 1432 in den Fels gehauen wurde, und seit 1522 verehrt wird. Der historische Besuch des  Heiligen Vaters Johannes Paul II.
La famosa immagine della "Madonna della Corona", che è stata scavata nella roccia nel 1432, ed è onorata dal 1522. Per raggiungere il santuario dell’autostrada del Brennero si prende l’uscita al casello di Affi-Lago di Garda. La Storica visita apostolica del Papa Giovanni Paolo II il 17 aprile 1988.

La Scala Santa: è una imitazione di quella di Roma, è formata da 28 gradini da salire in ginocchio meditando e pregando
Gesù sulla Croce

Speciale Adozioni
Aderisci a "Gruppo India",
puoi cambiare la vita di
tanti bambini

www.gruppoindia.it

 


RESIDENZA "STELLA ALPINA" a Spiazzi di Ferrara di Monte Baldo

RESIDENZA "STELLA ALPINA"


a 150 mt. da Spiazzi.
Di proprietà del Santuario, è aperta da marzo a novembre con servizio di ristorante, bar e albergo.
Per informazioni:
Tel. +39 045 6247082
Fax  +39 045 7220090

Il bar a Spiazzi

Il bar al Santuario

Dopo numerose richieste da parte dei visitatori della presenza di un punto di ristoro, è stato aperto all’interno del comprensorio del santuario il nuovo Bar Al Santuario. Si tratta di un locale piacevole e discreto con una sala interna e uno splendido terrazzo all’aperto con vista panoramica dove è possibile prendersi un momento di pausa dopo il pellegrinaggio o consumare un saporito intermezzo.
Il bar offre servizio bar, caffetteria e snack e vi si possono gustare spuntini, bibite e gelati di ogni genere.

La Scala Santa

Coloro che sono venuti al Santuario della Corona prima del 1975 ricordano che all’esterno sulla fiancata sinistra dello scalone che porta alla Chiesa, si trovava la Scala Santa. Fu concessa come privilegio del Papa Leone XII nell’anno 1822, nel terzo centenario della vita del nostro Santuario dedicato all’Addolorata. All’inizio la concessione di apertura ed esercizio della Scala Santa riguardava tempi determinati; dal 1910 in poi il Papa S.Pio X, che era stato illustre pellegrino al nostro Santuario nel settembre del 1893, concesse che fosse aperta ed esercitata per tutto l’anno,venendo così assimilata in tutto a quella di Roma, di cui ovviamente è una imitazione. Al nostro Santuario la Scala Santa è uno dei luoghi più ricercati, frequentati e venerati. Durante i lavori di ristrutturazione fu trasportata all’interno dell’edificio sacro e collocata (1991) a fianco della Cappella delle Confessioni, per caratterizzare e valorizzare maggiormente i suoi contenuti penitenziali. L’ ingresso è segnalato a metà della parete sinistra della Cappella della riconciliazione da un portale con incise le parole “Scala Santa”. Sopra questo portale fa da cornice un grande arco in marmo con sculture ornamentali in rilievo, anticamente tale arco delimitava la parte più alta dell’altare maggiore del Santuario sopra la nicchia della Madonna. La Scala Santa originale si trova a Roma vicino alla Basilica di San Giovanni in Laterano, la nostra è un’imitazione. E’ la scala che Gesù salì e discese più volte nel giorno in cui, rigandola con il suo sangue, fu flagellato, coronato di spine, e condannato alla morte di croce. Essa fu già nel palazzo occupato da Pilato a Gerusalemme, dove questi teneva il suo tribunale, o pretorio. Santa Elena nel 326 fece trasportare a Roma i 28 gradini della Scala. Ora della Scala Santa esistono varie imitazioni presso alcuni Santuari.


Modo di salire la scala Santa:

- dopo aver intinto l’acqua santa si fa il segno di croce;
- si salgono i 28 gradini in ginocchio;
- con grande raccoglimento si medita e si prega sulla passione di Gesù Cristo:
• il sudore di sangue nell’orto
• la flagellazione
• la coronazione di spine
• il viaggio al Calvario
• la crocifissione e morte di nostro Signore Gesù Cristo.
Orari di liturgie e celebrazioni
Celebrazione della liturgia


ORARIO MESSE E CELEBRAZIONI

Il Santuario diocesano di Verona della Madonna della Corona è aperto tutto l’anno con i seguenti orari: Novembre – Marzo: dalle ore 8.00 alle ore 18.00 Aprile – Ottobre: dalle ore 7.00 alle ore 19.30 I nostri fedeli potranno partecipare alle numerose celebrazioni presso la Basilica sia nei giorni festivi sia nei giorni feriali. Oltre alle Sante Messe ogni domenica alle ore 15.00 reciteremo insieme il Santo Rosario. Consulta gli orari nelle tabelle seguenti oppure vai alla sezione del sito dedicata alle notizie dove verranno pubblicati, a tempo opportuno, i programmi per tutte le altre festività e ricorrenze mariane.


Orario Sante Messe Festive
  Sabato Domenica
Gennaio 17.00 10.30, 15.30
Febbraio 17.00 10.30, 15.30
Marzo 17.00 10.30, 15.30
Aprile 17.00 10.30, 12, 15.30, 16.30
Maggio 17.00 8.30, 9.30, 10.30, 12.00, 15.30, 16.30, 18.00
Giugno 17.00 8.30, 9.30, 10.30, 12.00, 15.30, 16.30, 18.00
Luglio 17.00 8.30, 9.30, 10.30, 12.00, 15.30, 16.30, 18.00
Agosto 17.00 8.30, 9.30, 10.30, 12.00, 15.30, 16.30, 18.00
Settembre 17.00 8.30, 9.30, 10.30, 12.00, 15.30, 16.30, 18.00
Ottobre 17.00 8.30, 9.30, 10.30, 12.00, 15.30, 16.30, 18.00
Novembre 17.00 10.30, 15.30
Dicembre 17.00 10.30, 15.30
Orario Sante Messe Feriali
  lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato
Gennaio 10.30 10.30 10.30 15.30 10.30 10.30
Febbraio 10.30 10.30 10.30 15.30 10.30 10.30
Marzo 10.30 10.30 10.30 15.30 10.30 10.30
Aprile 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30
Maggio 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30
Giugno 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30
Luglio 10.30, 15.30, 17.00 10.30, 15.30, 17.00 10.30, 15.30, 17.00 10.30, 15.30, 17.00 10.30, 15.30, 17.00 10.30
Agosto 10.30, 15.30, 17.00 10.30, 15.30, 17.00 10.30, 15.30, 17.00 10.30, 15.30, 17.00 10.30, 15.30, 17.00 10.30
Settembre 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30
Ottobre 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30, 15.30 10.30
Novembre 10.30 10.30 10.30 15.30 10.30 10.30
Dicembre 10.30 10.30 10.30 15.30 10.30 10.30
Info e contatti:
Santuario Basilica Madonna della Corona Tel. e Fax (+39) 045 7220014
Località Santuario - Frazione Spiazzi Email: info@madonnadellacorona.it 
37020 Ferrara di Monte Baldo Verona - Italy Internet: www.madonnadellacorona.it





Privacy Policy